TEAM

Salve, sono Nicola Cuomo, titolare dell'allevamento delle Abbadesse. Ho conosciuto i rottweiler vedendoli in un altro centro cinofilo, quello di Antonio Bello', che io frequentavo con i miei pastori tedeschi.

Fu, come spesso capita ai futuri allevatori, amore a prima vista, e decisi di prendere un cucciolo da Antonio, uno dei primi che importava cani dalla Germania.

La mia prima cucciolata arrivo' qualche tempo dopo, con una femmina di nome Frida che feci coprire con un importante stallone tedesco importato in quel periodo in Italia. Devo dire che, facendo poche cucciolate, ma con i piu' importanti stalloni in circolazione, ottenni dei risultati che definirei "normali", ovvero cani di buona tipicita' ma nulla di particolarmente eclatante. In quel periodo in cui non mi sentivo realizzato come allevatore di una razza cosi importante ci fu la svolta, e mi chiesi se avessi voluto continuare su quella strada o viceversa rivedere completamente il mio allevamento e dare la giusta importanza non solo agli stalloni ma soprattutto alle fattrici.

Cercai soggetti che potessero darmi queste garanzie sulle cose che io principalmente ricercavo per basare il mio allevamento, ovvero il poter dare alle persone che prendono un cane nel mio allevamento questi requisiti: salute, carattere e morfologia. Questi requisiti forse ovvi e banali devono, a mio avviso, essere sempre ben presenti in un allevatore che dovra' assumersi la responsabilita' di dare un soggetto soprattutto sano, ben equilibrato, e possibilmente rispondente allo standard. Nel '99 ho importato dalla Germania dei soggetti: due maschi, gli attuali stalloni tedeschi, derivano dalle famose linee di sangue Gruntelblick, Teufelsbrucke, Von Burgthann e Von Herrenholz, quest'ultima importante per soggetti "da lavoro".

Le femmine, come vedete, provengono dalle stesse linee di sangue. Le regole che mi impongo le definirei garanzie di allevamento: fare poche cucciolate, mirate al miglioramento della razza e non ad una pura speculazione, e garantire tutti i soggetti per la displasia, per la dentatura e per tutte quelle malattie ereditarie gravi. Io mi attengo scrupolosamente allo standard e alle regole.